Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sharp, il nuovo silicio e i tempi che cambiano

Flexcell01
Tokyo Electron, fornitore giapponese di chip, e Sharp, anch’essa con sede in Giappone, hanno siglato una joint venture per sviluppare strumenti per la produzione di celle fotovoltaiche  fatte con un film sottile di silicio.

Si tratta di celle fotovoltaiche che contengono un sottile strato di silicio depositato su un substrato di vetro.

A novembre la Sharp aveva detto che avrebbe aumentato la sua capacità di produzione di questo tipo di celle a 160 megawatt all’anno, rispetto ai 15 MW attuali, citando una crescente domanda in Europa.

E quando ero stato in Galles a visitare la più grossa sede europea di Sharp, circa un anno fa, mi avevano detto che questa tecnologia usa meno silicio, e potrebbe essere una soluzione per star dietro a una domanda crescente per adesso insoddisfatta.

Bellesterno

Mi aveva colpito anche la storia di questo centro: hanno deciso di aprire una fabbrica in Galles nel 1985, ma fino al 2004 venivano prodotti solo forni a microonde. Nel 2004 è passata ai pannelli fotovoltaici con una produzione annuale di 20 Mw. Tempi che cambiano.

(Qui a sinistra, una foto della sede europea di Sharp, a Wrexam, nord del Galles).