Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Aria condizionata da idrogeno e sole

Mi è arrivato questo comunicato stampa: idrogeno e sole per alimentare i condizionatori. Progetto tutto italiano:

"Oggi, utilizzando solo idrogeno ed energia solare, si e’ raggiunta la temperatura di 16,7’C nel circuito di raffreddamento dell’aria condizionata dell’HydroLAb ad Arezzo.

Questo conclude la sperimentazione condotta dalla Fabbrica del Sole di Arezzo con il cofinanziamento della Regione Toscana per progetto OCESI (ottimizzazione della climatizzazione da energia solare e idrogeno), per la messa a punto di un impianto in grado di produrre aria condizionata per il laboratorio HydroLAb a partire dai pannelli solari termici e il calore dei co-generatori a idrogeno.

"Un importantissimo passo avanti verso il risparmio energetico e la sostenibilita’ – commenta Emiliano Cecchini, Presidente del Comitato Scientifico della Fabbrica del Sole – che dimostra come l’idrogeno in combinazione con le altre energie rinnovabili sia una strada ancora molto promettente".

In pratica si combina il calore dei pannelli solari termici di produzione della Fabbrica del Sole con il calore di scarto di una fuel cell come quelle gia’ installate ad Arezzo da Exergy e si introduce quindi acqua calda sopra gli 80’C dentro un assorbitore a bromuro di litio. Il sistema genera liquido gelido a ca 10’C utile per fare aria condizionata attraverso dei normali fan coil.
L’effetto utile raggiunto oggi dall’impianto è: aria soffiata a 16,7’C.
Per la movimentazione delle pompe, dei rotori ed altri componenti occorre anche dell’energia elettrica che viene fornita dai pannelli fotovoltaici dell’HydroLAb.

In pratica il condizionatore puo’ funzionare ovunque vi sia sole e funziona tanto meglio quanto piu’ il sole e’ forte.

"La messa a punto di questa tecnologia – spiega Andrea Baldini responsabile del progetto per La Fabbrica del Sole – e’ semplice ma apre tutta una serie di possibilita’ di utilizzo molto importanti soprattutto nel Nord Africa dove abbiamo gia’ avviato dei progetti, in particolare in Egitto."

"La notizia arriva proprio nel giorno in cui la cooperativa, per prima sul territorio aretino, ha terminato e messo in produzione collegandolo alla rete ENEL un impianto fotovoltaico da 152kWp –  commenta Paolo Fulini, Presidente della Fabbrica del Sole – in grado di produrre grandi quantita’ di elettricita’ che potrebbe essere convertita in idrogeno puro come intendiamo fare qui a San Zeno per il potenziamento di quello che oggi e’ l’unico idrogenodotto sotterraneo in area urbana al mondo."